Finanziamento progetto “SCUOLA VIVA”

scuola_viva_webCon il Programma “Scuola Viva”, finanziato dalla Regione Campania, le istituzioni scolastiche beneficiarie possono attivare percorsi formativi alternativi durante le ore pomeridiane, al fine di contrastare la dispersione scolastica e rafforzare l’offerta formativa sul territorio. Il progetto presentato dall’Istituto Virtuoso è risultato fra quelli selezionati e finanziati dalla Regione Campania.
Esso prevede l’attuazione di tre percorsi.

Il primo, riservato a coloro che sono fuoriusciti dal sistema scolastico, comprende due moduli. Il primo (Life Skills) anzitutto monitorare e quindi promuovere lo sviluppo di quelle competenze, che permettono di entrare in relazione con gli altri, per affrontare i problemi che si presentano tanto nella vita di tutti i giorni quanto in ambito lavorativo.Si tratta di abilità di carattere generale, relative a processi di pensiero, cognizione, capacità di riflettere, uso di strategie, aspetti motivazionali etc.. Il secondo (Legalità e Valori) si incentrerà, da un lato, sull’esame teorico delle disposizioni normative poste a tutela dell’ordine e della convivenza e, dall’altro, sulla visita agli Enti e alle Istituzioni che quelle disposizioni sono deputate a far osservare.In questo modo si cercherà di creare un rapporto di fiducia tra gli studenti e quanti si preoccupano dell’ordine e della sicurezza, allo scopo di rafforzare lo spirito di legalità e la tutela dei valori culturali nazionali che rappresentano una ricchezza condivisa con gli altri concittadini e radicata nel senso di appartenenza generazionale. Ciò senza escludere ma anzi prevedendo la possibilità dell’integrazione e dell’accoglienza.Il terzo, infine, (Laboratorio di Mimo), prevalentemente laboratoriale, mira a favorire la conoscenza e il controllo del proprio corpo e del suo utilizzo espressivo.Attraverso gli elementi base di tecnica mimica, pantomima, scomposizione corporea e improvvisazione, i partecipanti acquisiranno la consapevolezza che espressioni, posture e mimica sono tutte rivelatrici di emozioni, anche se inespresse.Una volta compreso che il corpo è veicolo di trasmissione di emozioni e stati d’animo e che vi è un rapporto stretto tra emozioni ed espressioni o posture, l’obiettivo specifico del modulo sarà quello di mettere in grado gli studenti di controllare o modulare posture, atteggiamenti ed espressioni in funzione del contesto in cui si troveranno ad operare, con particolare riferimento ai rapporti con compagni, professori e, nei contesti professionali, datori di lavoro.
Il secondo percorso, invece, è dedicato agli studenti che frequentano la scuola ma si trovano in difficoltà o sotto il profilo del rendimento o sotto quello dell’assiduità della frequenza scolastica.In tale percorso sono previsi tre moduli. Il primo è analogo a quello previsto per il primo percorso e intende monitorare e quindi promuovere lo sviluppo di quelle competenze che permettono di entrare in relazione con gli altri, per affrontare i problemi che si presentano tanto nella vita di tutti i giorni quanto in ambito lavorativo.Si tratta di abilità di carattere generale, relative a processi di pensiero, cognizione, capacità di riflettere, uso di strategie, aspetti motivazionali etc.Il secondo modulo (A tutto blog) prevede di utilizzare la lettura dei giornali per rafforzare le abilità nella lettura e comprensione dei messaggi, sviluppare la scrittura come tecnica e sviluppare abilità logiche, critiche, tecniche ed operative nei corsisti, attraverso la realizzazione di un blog.Tale blog verrà curato dai partecipanti al corso, ognuno con un ruolo differente. Esso dovrebbe rimanere come iniziativa permanente e costituire uno strumento di auto-apprendimento con il quale proseguire e completare il lavoro iniziato durante il modulo.Il terzo (Come ti cucino … la matematica) prevede la realizzazione di un intervento sulle competenze Logico-matematiche di alunni ad elevato rischio di abbandono o insuccesso scolastico che frequentano il biennio dell’obbligo ed hanno gravi carenze nelle competenze di base logico matematiche sia sotto il profilo concettuale sia sotto quello applicativo.L’obiettivo specifico sarà quello di utilizzare l’attività enogastronomica come ambito laboratoriale per prendere in esame tutta una serie di concetti e principi della matematica e della geometria che vengono quotidianamente incontrati o applicati da chi cucina o prepara una ricetta.

Infine il terzo percorso riguarda i cosiddetti NEET, cioè le persone che non sono attualmente impegnate né nello studio né nel lavoro né nella ricerca di un’occupazione.Anche tale percorso prevede due moduli.Il primo (“Pro-work skills”9, fa riferimento a quell’insieme di abilità, competenze e conoscenze che costituiscono gli strumenti indispensabili per affrontare in modo adeguato l’approccio al mondo del lavoro, nella fase che è successiva alla conclusione (o all’abbandono prima della sua conclusione) del percorso di istruzione e antecedente l’inizio dell’impegno lavorativo.Si tratta di due tipi di strumenti.Il primo è costituito da quelle conoscenze e abilità necessarie per destreggiarsi con successo tanto nei rapporti con gli apparati amministrativi e burocratici, quanto nelle relazioni commerciali e nell’utilizzazione dei servizi pubblici e privati.Il secondo è formato dalle conoscenze, abilità e competenze necessarie per trovare e formalizzare un rapporto di lavoro.L’obiettivo specifico del modulo è quello di mettere i partecipanti in grado di acquisire tali strumenti e rendere più agevole la ricerca e la formalizzazione del rapporto di lavoro.Il secondo modulo, invece, è di tipo laboratoriale nell’ambito dell’attività di caffetteria. Esso si propone di far conseguire ai corsisti competenze pratiche immediatamente spendibili per la corretta preparazione dei principali prodotti della caffetteria italiana ed internazionale, attraverso insegnamenti teorici ed esercitazioni pratiche.Si tratta, inoltre, di una tipologia lavorativa che può essere gestita anche part-time o in modo stagionale e, quindi, in forma compatibile con la ripresa/prosecuzione degli studi o con altre attività lavorative.

Persorso 1
Percorso-2
Percorso-3

00-Bando-Tutor
01-All.A-Domanda-TUTOR
02-All.B-SCHEDA-AUTOVALUTAZIONE
03-All.C-TABELLA-VALUTAZIONE-TITOLI
04-All.D-SCHEDE-SPECIFICHE

Bando-Alunni
Domanda-Alunni-DROP-OUT
Domanda-NEET

Proroga termine domande partecipazione

inizioattivita-scuolaviva

2-verbale-bando-tutor
1-verbale-bando-tutor

00-bando-personale-codocente
01-all-a-domanda-codocente
02-all-b-scheda-autovalutazione
03-all-c-tabella-valutazione-titoli
04-all-d-schede-specifiche

Comunicazione fine attivita Scuola Viva

 

 

Condividi su...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this page